Slide1 background

Mare Termale Bolognese

Cinque centri termali nella città metropolitana
di Bologna: fitness, benessere e salute!

Slide1 background

Circuito della Salute Più

Una grande rete di servizi di salute
nelle province di Bologna, Ferrara e Venezia

Slide1 background

Villaggio della Salute Più

Wellness, terme e natura tutto l'anno

Slide1 background

Salute Più Concept Store

I prodotti del benessere

Slide1 background

Valet

Corsi di aggiornamento medico, provider ECM 1328

Slide1 background

Multimed

Poliambulatori specialistici & day surgery

Gli straordinari benefici dell'agopuntura

pubblicato il 04/04/2019 | #agopuntura #terapie #mtb

agopuntura terapia per il dolore

Con la collaborazione del Prof. Antonio Monti, Direttore scientifico Mare Termale Bolognese

Di Federica Pagliarone, giornalista scientifica

Utile per prevenire e curare numerose patologie, dalla cefalea alla lombalgia, dalla sindrome premestruale ai disturbi della menopausa, dall’ansia alla depressione, dall’insonnia al fumo di sigaretta, dal diabete all’ipertensione, dalla dermatite alla cistite, l’agopuntura deriva da quel complesso e prezioso sistema che è la Medicina Tradizionale Cinese, rappresentandone senz'altro la branca più nota.

In Occidente da parecchi anni l'agopuntura è messa al vaglio dalla medicina ufficiale e sono numerosissimi gli studi pubblicati sulle sue più diverse applicazioni. “La visita medica condotta da un agopuntore – spiega il Prof. Antonio Monti, direttore scientifico Mare Termale Bolognese e autore di 12 volumi sull’agopuntura - resta sempre un'esperienza interessante, in quanto il medico che esercita la medicina cinese è innanzitutto un attento osservatore. Di fatto, l'osservazione del paziente è il primo e fondamentale passo verso la diagnosi”.

In pratica, grazie all’inserimento di alcuni aghi in specifici punti del corpo, l’agopuntura mira a ristabilire lo stato di salute e di benessere del paziente. Secondo tale metodologia, lo stato di malattia viene causato da una cattiva circolazione del qi (energia vitale), con conseguente accumulo o carenza di energia tra le parti del corpo; mentre l’agopuntura è in grado di ripristinare l’equilibrio energetico dell’individuo, garantendone lo stato di benessere.

Che cos'è l'agopuntura?

L'agopuntura è una branca della Medicina Tradizionale Cinese sviluppata in Cina più di 3000 anni fa e utilizzata ancora oggi sia in Cina che in molti paesi occidentali. Nello specifico, consiste nell'inserzione di aghi sottili, sterili e monouso, in specifiche zone cutanee denominate “punti di agopuntura”. La stimolazione di tali punti consente la modulazione di diversi meccanismi, nervosi e bioumorali, come le endorfine, la serotonina, e diversi ormoni, per riequilibrare quelle funzioni alterate dell'organismo che stanno alla base della malattia. La medicina tradizionale cinese, e l’agopuntura in particolare, si sono diffusi rapidamente in Italia e nel mondo. In Italia, nel 2013, circa 60.000 persone hanno utilizzato l'agopuntura come terapia.

“L'indicazione terapeutica più conosciuta e studiata di questa tecnica – prosegue il Prof. Monti - è sicuramente il trattamento del dolore ed in particolare il dolore cronico. Esistono centinaia di studi e decine di revisioni sistematiche che dimostrano ad esempio, l'efficacia dell'agopuntura nella cura e nella prevenzione delle prime due patologie a carattere sociale: la cefalea e la lombalgia. La scelta di rivolgersi ad un trattamento di agopuntura quindi, non deve essere ideologica ma fondata su motivazioni quali l’efficacia, la sicurezza e la non tossicità. L'agopuntura infatti è un trattamento non farmacologico privo d’interazioni con altri farmaci e con scarsissimi effetti collaterali: il suo utilizzo permette di ridurre o talvolta eliminare l'apporto farmacologico; questo è fondamentale se si pensa che in Italia la metà della popolazione sopra i 65 anni (6,5 milioni di persone) assume dai 5 ai 9 farmaci al giorno e circa l'11% (1,4 milioni) ne assume oltre 10. La stessa AIFA denuncia i rischi correlati alla scarsa aderenza terapeutica e agli effetti collaterali della politerapia”.

Va sottolineato che l'agopuntura in questo ambito si è dimostrata conveniente anche da un punto di vista "economico". Essa infatti abbatte le spesa sanitaria sostenuta per la gestione del dolore cronico a fronte di una migliore qualità di vita del paziente: come terapia addizionale risulta più efficace e con un miglior rapporto costo-efficacia rispetto alla sola terapia medica. Pertanto, qualora ci siano i presupposti, l'agopuntura dovrebbe diventare il trattamento terapeutico di prima scelta, soprattutto nei casi di dolore cronico dove l'abuso farmacologico diventa spesso la causa stessa della cronicizzazione del dolore.

Quando utilizzare l'agopuntura

Il dolore non è l'unico campo d'azione dell'agopuntura. In virtù dei diversi meccanismi d'azione su cui opera, l'agopuntura può essere un trattamento efficace, da sola o in associazione alla terapia standard, per patologie dermatologiche (acne, dermatiti), pneumologiche (asma e tosse), urologiche (cistiti recidivanti), e ostetrico-ginecologiche (dismenorrea, alterazioni del ritmo mestruale, leucorrea, disturbi della menopausa). Proprio in campo ginecologico vale la pena soffermarsi un momento.

L'agopuntura può essere un valido supporto per la coppia in cerca di una gravidanza naturale o durante procreazione medicalmente assistita (PMA). Essa infatti favorisce l’instaurarsi della gravidanza e il numero di nascite: vi sono lavori scientifici che dimostrano che ogni 10 donne sottoposte a fecondazione assistita più agopuntura vi è un nato vivo (NNT), che non ci sarebbe stato se queste donne non fossero state trattate con agopuntura. Non solo, l'agopuntura trova una sua collocazione anche in ambito oncologico. In particolare è utile nel trattamento degli effetti collaterali correlati alla chemio e radioterapia, quali nausea e vomito, fatica, secchezza delle fauci (xerostomia), insonnia e vampate di calore.

“Questa metodologia – conclude il Prof. Monti - lavora sull’ansia per cui, oltre a coprire una vasta gamma di disturbi (gastrite, stitichezza, ritenzione idrica, problemi circolatori, eczemi, psoriasi, etc.), è anche uno strumento prezioso per abbandonare vizi come quello del fumo. In particolare, lavorando sul soggetto nel suo complesso e riequilibrando l’energia, l’agopuntura si configura come un sistema completo di cura e sostegno, donando una maggiore consapevolezza e serenità e, pertanto, supportando l’individuo nel ritrovare il giusto equilibrio interiore”.

Magggiori informazioni sulle cure: 

Agopuntura nei centri del Circuito della Salute Più a Bologna, Ferrara e Mestre

Precedente | Successivo