Slide1 background

Mare Termale Bolognese

Cinque centri termali nella città metropolitana
di Bologna: fitness, benessere e salute!

Slide1 background

Circuito della Salute Più

Una grande rete di servizi di salute
nelle province di Bologna, Ferrara e Venezia

Slide1 background

Villaggio della Salute Più

Wellness, terme e natura tutto l'anno

Slide1 background

Salute Più Concept Store

I prodotti del benessere

Slide1 background

Valet

Corsi di aggiornamento medico, provider ECM 1328

Slide1 background

Multimed

Poliambulatori specialistici & day surgery

La mente non mente

pubblicato il 12/06/2016 |

Di Elena Querzola (Insegnante di Yoga iscritta YANI)

Trovare il perfetto equilibrio fra corpo e spirito è il segreto per vivere in armonia. Lo strumento per trovarlo si chiama meditazione


Meditare ovvero mediare, ovvero far sì che mente, corpo e spirito si trovino in una condizione di perfetto equilibrio. Erroneamente si è portati a pensare che si tratti di una ricerca, di uno sforzo che va fatto per conquistare uno stato. In realtà, più propriamente, potremmo definirlo un itinerario, un viaggio senza bagaglio, un abbandono totale al flusso di energia che ci sospinge verso il nucleo, verso la pace interiore non turbata dalle percezioni sensoriali. Uno dei veicoli più efficaci per entrare in meditazione è senza dubbio l’ascolto consapevole del respiro, il totale coinvolgimento nel ritmico susseguirsi di inspiro ed espiro, la danza armonica del diaframma. È importante acquisire una tecnica, certo, perché ne esistono centinaia e tutte sono volte a tacitare la mente e ad aprire un varco verso quel territorio placido e tranquillo nel quale insorgono intuizioni e la creatività trova un impulso straordinario. Essenziale però è “lasciare andare”, rinunciare al controllo, al giudizio, all’abituale dialogo con se stessi per entrare nel silenzio, nell’immobilità, nel vuoto.
Allenare la mente a non essere invadente, educarla a essere collaborativa più che distruttiva, giova molto più di quanto si creda, poiché ha ripercussioni ben evidenti sullo stato di benessere psicofisico e sulla capacita di gestire al meglio le emozioni. Ciò porta inevitabilmente ad aumentare la vitalità, a essere meno aggredibili dalle malattie e a instaurare rapporti interpersonali più sani e consapevoli. Come detto, esistono svariati modi per meditare: tutti appartengono e si integrano perfettamente a tradizioni filosofiche/religiose ma, pur con modalità differenti, l’obiettivo comune è sostanzialmente l’autorealizzazione individuale, l’illuminazione.
Sebbene non siano in tanti a sentirsi idonei alla meditazione, è sufficiente dedicarsi anche per pochi minuti a semplici ed efficaci tecniche per percepire chiaramente, e piacevolmente, che basta veramente poco per armonizzarsi e vivere stabilmente nel benessere.
ASCOLTO CONSAPEVOLE DEL RESPIRO
Assicurati che il luogo in cui ti trovi sia silenzioso e tranquillo. Procurati una sedia comoda o poniti in una posizione che consenta di mantenere la schiena eretta. Ora il corpo si rilassa, lascia andare ogni tensione. Tutto il corpo partecipa alla respirazione e pulsa in questa danza armonica creata da inspiro ed espiro. Visualizza l’inspiro come un flusso luminoso e fresco che entra attraverso le narici portando energia vitale. Espira ora con l’intento di portare all’esterno tutte le tossine fisiche e mentali, percepisci l’aria calda che esce depurando nel profondo. Lascia fluire i pensieri che insorgono, non trattenerli, accompagnali all’esterno tramite l’espiro. Concediti l’ascolto consapevole del respiro più a lungo che puoi e poi, quando intendi uscirne, fallo con lentezza, muovendo dolcemente il corpo e aprendo in ultimo gli occhi.
RIPETIZIONE DI MANTRA
I mantra consistono in suoni che hanno la capacità, se ripetuti per un certo numero di volte, di liberare la mente dal flusso incessante e disturbante dei pensieri.
Si tratta di vibrazioni che elevano le frequenze del soggetto, inducendolo a entrare in relazione con energie più evolute. Possono definirsi anche preghiere, ragion per cui ogni tradizione può disporre di un vasto repertorio di mantra, ognuno evocante differenti energie.
È consigliabile entrare in sintonia con questi potenti strumenti, scegliere quelli più affini e utilizzarli il più frequentemente possibile. Anche la ripetizione interiore, senza vocalizzare, è efficace per raggiungere alti livelli di benessere.
FOCALIZZAZIONE SU UN OGGETTO
Nell’atto di meditare si utilizza energia: l’energia imprigionata in certe immagini è potentissima e altamente elevata. Inoltre, dirigere l’attenzione come fosse un raggio laser fa sì che la mente venga completamente utilizzata in tale azione impedendole di fatto di divagare. Procurati un’immagine potente, uno Yantra, un Mandala o comunque un’immagine significativa ed edificante per te, fissala a lungo e poi chiudi gli occhi. Cerca di trattenere l’immagine nello spazio della mente, focalizzando tutta l’attenzione su di essa. Non deve esserci alcuno sforzo, solo una fusione con l’immagine, un’acquisizione profonda e consapevole. Lascia che l’energia insita nell’immagine si diffonda e agisca in profondità; poi, man mano che tutto inizierà a sfumare, non cercare di trattenere, lascia andare con spirito di gratitudine.
VISUALIZZAZIONE GUIDATA
In ogni tradizione troviamo anche pratiche estremamente efficaci di meditazioni guidate da un Maestro il quale, inducendo verbalmente gli allievi a percorrere mentalmente itinerari luminosi e gioiosi, fa sì che l’attività cerebrale rallenti, lasciando spazio a una maggiore consapevolezza e creatività costruttiva. Cominciamo quindi ora, subito, a meditare: basta poco. Troviamo una posizione seduta comoda, schiena dritta e corpo privo di tensioni. Seguiamo il respiro che entra fresco nelle narici, nutre di luce il corpo ed esce portando fuori tensioni e pensieri negativi. Pochi minuti e il varco è aperto, siamo nel flusso: il viaggio è iniziato.
 

Precedente | Successivo